blog

  • Cosa ho imparato ad Arles, Les rencontres 2011.

    Dopo un inizio estate un po’ in sordina, Luglio è stato un mese molto movimentato.Sono partita a bomba con una settimana in Francia, per l’apertura del festival di Arles: giorni intensissimi tra mostre, incontri, conferenze a cui ho partecipato con grande coinvolgimento. Uscirà presto su Jumper Magazine (issue 3) un mio articolo sull’evento. read more

  • Serendipità, ecco come ho incontrato Settimio Benedusi.


    E’ stato totalmente fortuito e alquanto bizzarro il mio incontro con Settimio Benedusi. Mi credete se vi dico che l’ho conosciuto facendo coda per fare pipì :-)? Se questo è stato l’incipit della nostra conversazione 😀 poi ho avuto la possibilità di farci quatto chiacchere e, letteralmente, mi si è aperto un mondo: un incontro casuale dai risvolti inaspettati! 🙂 read more

  • The Rainbow family: brothers and sisters.

    Girovagando per il web, ho trovato delle foto sul Rainbow, fatte da un ragazzo canadese, che mi hanno veramente spaccato in due: lui è Benoit Paillè. Non sapete cos’è Rainbow? E’ un raduno, organizzato per la prima volta negli Stati Uniti negli anni ’70 sull’onda del movimento hippy che, con cadenza annuale, aggrega 5000-10000-30000 persone (dipende da quale raduno è ;-)) in una location ogni volta diversa. Lo si organizza negli Stati Uniti ed anche in Europa. Per il periodo dell’incontro, tutta la comunità Rainbow vive in mezzo alla natura, lasciando che la spiritualità, la pace e la fratellanza siano i valori dominanti. read more

  • Teoria e pratica del progetto fotografico: una nuova sfida per occhi e menti curiose.

    Giovedì prossimo 16 Giugno, ci sarà una serata in cui parlerò del progetto fotografico, destreggiandomi con la grande eleganza e abilità che di solito mi contraddistingue, tra videoproiettori, computer e puntatore laser 🙂
    Esiste, infatti, un momento nella vita di tutti gli appassionati di fotografia in cui sembra non esserci più spazio per il nuovo. read more

  • Lo zen e l’arte del cazzeggio

    La vita dei liberi professionisti è alquanto sregolata: in certi periodi dell’anno lavori 27 ore al giorno, in altri momenti mare piatto, calma totale, nessun segno di vita là fuori.
    Dopo una lunga riflessione ho maturato questa idea e cioè che è nei momenti di “cazzeggio” che in realtà si vede veramente la tua natura di guerriero. read more

  • Il bisogno di emozioni, anche e soprattutto in fotografia.

    Io credo che oggi ci sia un forte bisogno di emozioni: c’è una reale e collettiva necessità di sentirci vicini e parte di una comunità. Il web ne è la dimostrazione lampante: scriviamo su facebook (a volte senza cognizione di causa e senza pensare che milioni di persone possono leggere quanto scriviamo) perchè qualcuno sappia quello che facciamo. read more

  • Il curioso caso di Jessica Hilltout

    Ci sono persone che sono esseri speciali, persone che sono nate per non essere “uno fra i tanti nel mucchio” e lei secondo me lo è.
    Mi sono imbattuta nel suo sito qualche mese fa, finchè cercavo spunti per il mio, e la sua storia mi ha subito emozionato.
    Fotografa di storie, fotografa di piccole sfumature: fotografa che ti emoziona nella sua semplicità e nel raccontare con grande forza le piccole cose della vita. read more

  • Uno + Uno = Tre


    Una cosa che mi preme (forse si era intuito :-)) è quella di scoprire come funziona la creatività e quali sono gli strumenti giusti per farla crescere: in fin dei conti sono da sempre una persona che si fa delle domande e a cui piace cercare le risposte. Sono curiosa e snocciolo questioni che mi stanno a  cuore con la pazienza certosina di un monaco tibetano mentre fa il suo mandala 🙂
    read more

  • Perché usare le luci è un casino, ma ti apre la testa

    Io non sono una che scatta da molto tempo. Sono partita per l’India nel 2008 con la mia D80 nuova di pacca nello zaino e non sapevo ancora usarla in manuale. Se fotografo da 3 anni, le luci, invece, ce le ho da 1 anno, preceduto da un altro anno e mezzo propedeutico con il mio SB-900 e tutti gli studi e le prove che ho fatto estrapolate da Strobist (www.strobist.com la bibbia, da seguire con accanimento terapeutico come avevo già detto altre volte).
    read more

  • Corsi di fotografia, livello base… in partenza!

    Oramai l’aria tiepida scalda le nostra ossa e con essa tutti proviamo questo strano formicolio ai piedini… Finalmente si esce a prendere un po’ d’aria dopo mesi in cui siamo stati tutti chiusi in casa come orsi in letargo.
    read more