Uno + Uno = Tre


Una cosa che mi preme (forse si era intuito :-)) è quella di scoprire come funziona la creatività e quali sono gli strumenti giusti per farla crescere: in fin dei conti sono da sempre una persona che si fa delle domande e a cui piace cercare le risposte. Sono curiosa e snocciolo questioni che mi stanno a  cuore con la pazienza certosina di un monaco tibetano mentre fa il suo mandala 🙂

Già in un  mio lavoro precedente (lo puoi vedere qui ) mi ero resa conto di quanto, i lavoro di squadra, fosse uno strumento potente per la creatività, per cui insisto nell’affrontare la questione in considerazione anche del fatto che è abbastanza comune per un fotografo lavorare in squadra. E che la capacità di lavorare in squadra è un talento e come tale va esercitato.


Era da un po’ che mi ronzava nella testa l’idea di fare dei beauty con dei fiori freschi: non sapevo ancora esattamente come ciò sarebbe stato possibile, ma poi gli incontri giusti hanno fatto si che la mia vaga idea diventasse qualcosa di reale. E’ così che ad uno spritz per il compleanno della mia migliore amica lei mi fa “sai chi è quello? – indicandomi un ragazzo con dei simpatici occhiali e un bel foulard – E’ il mio fiorista del matrimonio!” Ho visto da lontano Nicola (vedi qui che robe pazzesche che fa) e l’ho sentito subito a pelle che era lui l’uomo giusto, non c’è stato neanche bisogno di parlarci. E’ stato così che, successivamente, con lo stessa classe e la stessa faccia da pirla 🙂 che mi compete quando abbordo persone bloccandole per strada dicendo “si salve sono silvia pasquetto, ehm faccio la fotografa… ti ho notato, facciamo qualcosa insieme?” 🙂 ho telefonato anche a Nicola.

Successivamente ci siamo incontrati per un panino “alla voglia” che per i ragazzi di Verona che vengono dalle mie zone è un must-to-have che ci ricorda i bei tempi andati, quando eravamo teen. Per me è stato amore a prima vista.


Lara invece la conosco da dieci anni, ma ci siamo incontrate in momenti della nostra vita totalmente non sospetti, almeno per me, che all’epoca studiavo all’università e lei era già allora di una bellezza disarmante (puoi vedere il suo sito qui ). Era lei la donna che volevo per questo lavoro: sognavo poesia e delicatezza per queste immagini e volevo che lei ne fosse l’interprete, poichè volevo darle la possibilità di vedersi e di esprimersi in maniera totalmente differente rispetto alle fotografie che le erano state scattate sino a questo momento.


Claudio e Giulia, oramai sono una coppia rodata e con loro è sempre un piacere lavorare ci si capisce al volo!



Dopo svariati tentativi organizzativi (mettere insieme 5 persone che lavorano non è cosa banale) alla fine ce l’abbiamo fatta: casa mia è stata invasa da 5 matti al lavoro, vasi, fiori delle più svariate forme e colori, forbici, colla da fiori… un casino furibondo ma molto produttivo! La giornata è stata entusiasmante e penso che ne sia veramente valsa la pena per tutti: abbiamo riso, scherzato, ci siamo divertititi ma abbiamo veramente lavorato sodo.



Quando si è in sintonia il talento si amplifica e la capacità lavoro aumenta perchè quando cede uno, magari l’altro ha ancora energie da spendere e coinvolge tutti. La cosa più bella in giornate come questa è vedere come la voglia di fare bene e di dare il massimo accomuni tutti: è energia che si autoalimenta e che ti travolge. Inoltre scambiandosi informazioni tra professionalità diverse ogni lavoro ne trae giovamento: capendo le dinamiche gli uni degli altri, ogni singola azione diventa più efficace. Mi auguro ce ne sia ancora di tutto questo, ne ho ancora bisogno, come fotografa e come essere umano.

qui e qui trovi degli estratti da questo lavoro.

The following two tabs change content below.
Sono Silvia Pasquetto, fotografa di persone. Lavoro come fotografa freelance a Padova e Venezia e realizzo ritratti personali e professionali, servizi fotografici di branding, commerciali e di moda.
No Comments.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *